Boschini: “Bene Venturi, ha ribadito che l’obiettivo della fusione è mettere a disposizione più risorse per la sanità territoriale modenese.”

Il consigliere regionale Giuseppe Boschini è intervenuto nel corso del dibattito odierno in commissione Politiche per la salute e politiche sociali, sollecitando l’assessore alle politiche per la salute Sergio Venturi, in relazione a diverse tematiche inerenti il finanziamento per il 2018  del sistema sanitario regionale e specificamente la sanità modenese. In particolare il consigliere Boschini è intervenuto sul tema del finanziamento previsto per il 2018 per la fusione Policlinico-Baggiovara.

“Nel complesso – ha detto il consigliere Boschini nel suo intervento in Commissione –  esprimo forte apprezzamento perché nel 2018 la programmazione finanziaria regionale riuscirà a garantire la qualità che fa del nostro servizio sanitario uno dei migliori a livello nazionale e a livello europeo. È un risultato non scontato perché nel 2018 il sistema sanitario regionale emiliano-romagnolo dovrà impegnarsi a fondo per mantenere, e in alcuni casi incrementare e qualificare, i servizi offerti in quanto in un quadro di bisogni e costi crescenti (in particolare per l’invecchiamento della popolazione) il leggero incremento delle risorse nazionali disponibili nel 2018 non compensa adeguatamente la crescita dei costi. Dunque, senza vere risorse aggiuntive, sarà grazie ad una gestione innovativa se si potrà fare di più”.

Nel suo intervento, l’assessore Venturi ha segnalato come tali risultati siano possibili anche grazie a scelte costanti di maggiore efficienza, come quella della fusione tra Policlinico e Baggiovara, essenziali per continuare a qualificare il sistema senza esplodere il fabbisogno di risorse.

Alla specifica richiesta del consigliere Boschini nel corso del dibattito in commissione, l’assessore Venturi ha confermato esplicitamente che per il progetto di sperimentazione gestionale di fusione tra Policlinico e Baggiovara resta fissato anche per il 2018 lo stesso budget del 2017, senza riduzioni, pari a  €12.020.890, destinato all’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena. Venturi ha però esplicitamente confermato che per il prossimo futuro l’obiettivo della sperimentazione è quello di ridurre il costo della gestione unitaria dei due ospedali, liberando così risorse -come previsto fin dall’inizio della sperimentazione- per l’Azienda USL di Modena e quindi per il sistema degli ospedali e soprattutto per la sanità territoriale e preventiva del territorio provinciale modenese, da Pavullo a Mirandola.

“L’impegno ribadito in commissione dall’assessore Venturi -ha commentato il consigliere Boschini- è molto positivo per il nostro sistema e per la nostra azienda sanitaria territoriale modenese, perché conferma che l’obiettivo ultimo della fusione Baggiovara-Policlinico è quello di rendere il servizio ospedaliero più efficiente, confermarne e incrementarne la qualità, ma al tempo stesso liberare risorse da investire interamente per il miglioramento della sanità provinciale e soprattutto dei servizi territoriali. Se per il 2018 il costo della gestione unitaria dei due ospedali urbani rimane invariato è solo perché a pochi mesi dall’avvio è troppo presto per consolidare i risultati della razionalizzazione e fusione, ma per i prossimi anni è stato confermato chiaramente da Venturi che l’obiettivo delle Linee di programmazione e di finanziamento delle Aziende e degli Enti del Servizio sanitario regionale sarà quello di restituire un incremento di risorse per gli ospedali, le case della salute, la medicina territoriale modenese, a vantaggio soprattutto della popolazione dei diversi distretti periferici della provincia”.