Zappaterra: “La soppressione delle fermate, partita in inverno e aggravata nel periodo estivo, penalizza turisti e lavoratori”

 

“Come anticipato nei giorni scorsi, a Ferrara è scattato l’allarme per la soppressione di quasi tutte le fermate dei treni ad alta velocità, sia Frecce Trenitalia sia Italo, da e per Roma nel periodo estivo. Mi sono quindi attivata immediatamente per chiedere alla Regione di farsi carico del problema con l’auspicio che le aziende rivedano il proprio piano estivo”. Marcella Zappaterra, consigliera e capogruppo del Partito Democratico in Assemblea Legislativa, ha discusso nella mattinata di martedì 8 giugno una interrogazione urgente alla Giunta regionale.

“Un problema per i turisti che volessero raggiungere il nostro territorio e quindi con una forte ricaduta a livello economico proprio ora che si apre la stagione estiva dopo gli ultimi durissimi mesi. Ma un problema gravissimo anche per i pendolari – ha aggiunto la consigliera Zappaterra presentando la sua interrogazione urgente in Assemblea, aggiungendo – Le modalità con cui le Istituzioni e i Sindacati sono venuti a conoscenza del problema sono state davvero irrituali: sono stati numerosi lavoratori che si sposano verso Bologna ogni giorno a comunicare che in fase di rinnovo degli abbonamenti mensili, le aziende non confermavano più la sosta a Ferrara nella tratta Venezia-Roma.

L’Assessore Andrea Corsini, rispondendo in Aula ha sottolineato come la dura presa di posizione della Regione, venuta a conoscenza della questione, abbia già dato un importante risultato. “Trenitalia nella giornata di lunedì 7 giugno ha predisposto l’attivazione urgente di un tavolo tecnico finalizzato al ripristino delle corse soppresse. – riporta Zappaterra che aggiunge – Bene, ma ora ci aspettiamo un cambio di passo. Già dall’inverno scorso, infatti, le fermate dell’alta velocità a Ferrara erano state pesantemente sfoltite e l’economia ferrarese ne risente”.