Atti vandalici no vax, Caliandro: “Gesti criminali da punire, attaccati hub vaccinali e scuole, luoghi cuore delle istituzioni. Solidarietà a Lepore e Bonaccini, bene denuncia da parte Mazzoni”

 

“Continuano gli atti vandalici da parte di una frangia estremista di No vax che, anche questo fine settimana, nel giorno dell’Open Day aperto alla fascia dai 5 ai 19 anni, hanno tracciato scritte indegne contro i vaccini, all’Hub della Cicogna a San Lazzaro, e attaccato, alla scuola primaria Casaralta, volantini aberranti che raffigurano il sindaco di Bologna, Matteo Lepore, e il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, con una svastica tracciata in fronte, corredati da foto di defunti, morti, secondo i No vax, a causa del vaccino. Non possiamo permettere che queste frange di estremisti antidemocratici attacchino i luoghi, cuore delle istituzioni, degli hub sanitari, dove si lotta ogni giorno contro il Covid, e soprattutto delle scuole, in cui i nostri bambini hanno il diritto di essere protetti dalla vista di intimidazioni, minacce e foto raccapriccianti”.

Così il consigliere regionale, Stefano Caliandro. “Sono atti di una violenza inaudita che non hanno nulla di democratico, ma solo di criminale e sono da condannare e punire” scandisce Caliandro che sostiene “in toto l’intenzione della segretaria del Pd e presidente del Navile, Federica Mazzoni, di sporgere denuncia per l’episodio alle scuole”.

“Esprimo la mia solidarietà a Lepore e Bonaccini – aggiunge Caliandro – e ai lavoratori del mondo della scuola, della sanità e dell’informazione, minacciati nell’esercizio del loro dovere. L’unica strada percorribile è il vaccino e le istituzioni e il mondo della scienza andranno avanti e non si faranno certo intimidire da un gruppo di estremisti antidemocratici”.