Eima, la fiera dei macchinari agricoli, resterà a Bologna. Il rinnovo del contratto fino al 2030 è stato annunciato ieri in una conferenza stampa.

“280mila visitatori e 140 paesi coinvolti: questi sono i numeri di Eima – spiega il Consigliere regionale Gianni Bessi – che rimarrà sul nostro territorio almeno per le prossime 7 edizioni. È un grande successo per il nostro tessuto economico e, in particolare, per due distretti produttivi fondamentali come l’agricoltura e la meccanica. Ho sempre sostenuto il ruolo strategico di BolognaFiere per la promozione e l’internazionalizzazione dell’economia regionale, la firma dell’accordo di oggi è un grande passo in avanti in questa direzione.”

“Per accogliere Eima – continua Bessi – la Fiera darà il via ad un’operazione di restyling che consentirà di riqualificare il quartiere fieristico, aumentandone l’attrattività. Quando qualche mese fa approvammo in Assemblea Legislativa il progetto di legge, di cui sono stato relatore, che conteneva alcune modifiche alla partecipazione della regione Emilia-Romagna alla società BolognaFiere, questo era proprio il mio auspicio: riqualificazione del quartiere, qualificazione degli elementi strategici e internazionalizzazione. Continuiamo a rilanciare la Fiera e procediamo verso l’aggregazione delle nostre società fieristiche regionali, come ha ribadito anche ieri il Presidente Bonaccini.”