Dichiarazione di Stefano Caliandro, capogruppo Pd della Regione Emilia-Romagna

“Crisi Domino, presidio in Regione. La riorganizzazione non gravi sui lavoratori”

Bologna, 7 giugno 2018 – “Prosegue la solidarietà nei confronti degli 11 dipendenti di Domino Multiservice che lavorano presso l’OMC (ex OGR) Trenitalia di Bologna che rischiano di perdere il posto di lavoro. Dopo aver incontrato, venerdì 1 giugno le organizzazioni sindacali nella sede della Camera del Lavoro di Bologna, questa mattina, durante il presidio davanti alla sede della Regione Emilia-Romagna, ho ribadito il sostegno del Partito Democratico nella battaglia dei lavoratori. Proprio nella sede di via Aldo Moro si è tenuto un tavolo con l’assessore Raffaele Donini per chiarire ulteriormente la situazione. Durante il presidio ho ribadito forte e chiaro il mio impegno per trovare una soluzione che garantisca gli attuali livelli occupazionali. La crisi si è aperta quando Trenitalia ha comunicato a Domino la cessazione a fine giugno del contratto “accessori” (che prevede portineria, magazzinaggio e movimentazione materiali) e il trasferimento delle attività attualmente affidate a Domino al Lazzaretto, dove i compiti degli 11 lavoratori saranno svolti dal personale Trenitalia. Contestualmente alla situazione degli 11 lavoratori Domino Service, c’è preoccupazione anche per altri 11 lavoratori del comparto. Per questi motivi continueremo a presidiare la situazione in quanto è impensabile che questa riorganizzazione gravi sulla pelle dei lavoratori”.