Salvini esca dalla modalità ‘propaganda’ e si ricordi di essere un ministro della Repubblica- dichiara Stefano Caliandro, capogruppo Pd all’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna – e le sue battute, sempre di dubbio gusto, gettano fango sulla sanità pubblica dell’Emilia-Romagna, che è una delle eccellenze di questa Regione, oltre che rappresentare un modello virtuoso e di ispirazione per le altre regioni italiane.

Lo dicono i numeri – prosegue l’espone n te Pd – che attestano la qualità dei servizi e della sanità. Qui continuiamo ad investire, ad assumere medici e infermieri, a promuovere buona occupazione in sanità lottando contro la precarietà .

Abbiamo messo in piedi una rete di Case della salute per dare servizi ai cittadini direttamente nei territori dove vivono. Abbiamo aggredito, inoltre, le liste di attesa per le prestazioni, investito in edilizia sanitaria e tagliato i superticket. E soprattutto continuiamo a batterci per un sistema universalistico quale diritto all’assistenza per ogni persona, senza distinzioni. Nell’attesa che finisca questa perenne campagna elettorale e rivedere finalmente il ministro Salvini al Viminale a svolgere il suo lavoro, ogni tanto studi e si documenti. Oppure – conclude Caliandro – prima di parlare, chieda ai suoi compagni di Partito emiliano-romagnoli. Magari potrebbe evitare di andare in giro per l’Italia e collezionare brutte figure”.