Approvata a larga maggioranza (compresi M5S e LN) in Assemblea Legislativa una risoluzione sul tema del commercio nei centri storici, di cui è prima firmataria la Consigliera Nadia Rossi, integrata da tre emendamenti, due del Partito Democratico, uno a firma del Movimento 5Stelle.

L’atto di indirizzo chiede alla Giunta di “proseguire sul cammino intrapreso riconfermando per il 2016 il finanziamento ai progetti di rilancio dei centri storici, attraverso interventi integrati che passino anche per il sostegno al commercio di vicinato”, in particolare, incentivando il riuso coordinato ed efficace dei locali sfitti.

“Questo però non basta” – sostiene Nadia Rossi – “E’ necessario garantire ai piccoli imprenditori che decidono di investire nel commercio nei centri storici, condizioni economiche maggiormente incentivanti. Per questo abbiamo chiesto di concordare a livello regionale e con gli Enti Locali e le Associazioni di Categoria modalità per il riconoscimento di agevolazioni fiscali o esenzioni tributarie”.

Nella risoluzione si afferma anche l’esigenza che la Giunta si faccia portatrice nei confronti del Governo della richiesta di estendere l’applicazione dell’agevolazione della cedolare secca e del blocco dell’adeguamento ISTAT agli affitti commerciali nonché l’utilizzo dei parametri €/metri quadri previsti dall’ufficio dell’agenzia per la definizione dei canoni.

“Il commercio è un settore che più di altri ha risentito della crisi. – conclude la Rossi – Ci sono segnali incoraggianti per una ripresa dei consumi e della fiducia ma non si può negare che il commercio, in particolare le attività insediate nei centri storici, abbia bisogno di incentivi e di sostegno per affrontare le sfide di domani”.