‘Il lavoro regolare deve costituire il DNA della nuova lotta alla criminalità’. Lo ha affermato il capogruppo PD Stefano Caliandro intervenendo questa mattina ai lavori della “Consulta per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e per la promozione della cultura della Legalità”  iniziati con la relazione dell’Assessore Massimo Mezzetti.

La Consulta, istituita nel Giugno 2015 e composta da rappresentanti istituzionali, parti sociali ed esperti del settore, ha funzioni  propositive e consultive di supporto alla Giunta nell’azione di contrasto alle mafie in Emilia-Romagna e si pone come obiettivo l’adozione di un testo unico delle politiche regionali contro il crimine organizzato.

‘Il contrasto alla presenza sui nostri territori dalla piaga criminale è un lavoro di grande responsabilità e di “prospettiva” – ha afferma Caliandro – che deve fondarsi su tre grandi architravi: legalità, lavoro e partecipazione. È fondamentale il contrasto al lavoro nero e la promozione della sicurezza nei luoghi di lavoro. Occorrerà fare massa critica, dentro e fuori i nostri ruoli istituzionali, per promuovere nuove azioni e modalità che diano risposte a quello che è un vero e proprio bisogno di legalità, di buoni esempi, di impresa credibile. Lo dobbiamo ai nostri giovani e ai nostri cittadini’, ha concluso il capogruppo PD.

12030274_517498798417788_6270069285650172322_o