Durante la seduta dell’Assemblea legislativa di oggi, l’Assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini ha risposto all’interrogazione presentata dai Consiglieri Mirco Bagnari, primo firmatario, e Manuela Rontini sui disagi riscontrati dagli utenti della linea Faenza – Lavezzola.

L’Assessore ha specificato che dallo scorso 9 gennaio, dopo un proficuo lavoro di tavoli tecnici coordinati dalla Regione, il trasporto pubblico su quella linea è stato riorganizzato, coerentemente con quanto era stato annunciato nella risposta all’interrogazione di maggio a prima firma della Consigliera Rontini. È stato il ritardo di alcune settimane nell’approvazione formale del piano a determinare i disguidi nell’informazione al pubblico.

“Come già aveva fatto Trenitalia – sottolineano i due Consiglieri regionali – anche l’Assessore ha chiarito che non servirà un secondo abbonamento. Infatti, chi ha comprato l’abbonamento Trenitalia fino a dicembre, d’ora in avanti dovrà comprarlo presso Mete. Per quanto riguarda il prezzo, invece, per la maggior parte degli abbonati non ci sarà alcuna variazione ma, anzi, la possibilità di usare tutti i servizi bus e treno tra le località di partenza e arrivo, compreso il servizio urbano di Faenza. Rimarrà, però, l’aumento per alcune decine di abbonati.”

L’Assessore ha assicurato che per tutto il mese di gennaio i controlli sui bus, effettuati dal Consorzio METE, prevedranno solamente una comunicazione riguardo le nuove regole. Chiunque sia in possesso di abbonamento mensile o annuale Trenitalia verrà, quindi, fatto salire senza sanzioni.

“È molto importante – dichiarano Bagnari e Rontini – perché questo meccanismo iniziale non sanzionatorio permette di colmare l’informazione poco tempestiva che ha creato la maggior parte dei disagi al rientro a scuola degli studenti.”

“Rimane un problema – precisano gli esponenti PD – per alcuni viaggiatori che hanno un abbonamento che va oltre gli estremi di Lavezzola e Faenza, che dovranno dotarsi di due distinti abbonamenti. Donini ci ha però assicurato la disponibilità della Regione, a discutere con gli interessati eque modalità di rimborso, come si sta già facendo con gli abbonati AV Bologna-Firenze.”

“Siamo soddisfatti – commentano i due Consiglieri regionali – La risposta dell’Assessore ha evidenziato la volontà della Regione di affrontare e risolvere tempestivamente le criticità che avevamo sollevato.”