Il 15 febbraio, la Giunta ha deliberato un progetto di legge che si propone di modificare la L.r. 15/2008 (“Partecipazione della Regione Emilia-Romagna alle società fieristiche regionali”); la commissione Politiche economiche ha proceduto a nominare relatori i consiglieri Gianni Bessi (Pd) e Massimiliano Pompignoli (Ln), e oggi si è riunita in seduta congiunta con la commissione Bilancio, Affari istituzionali, avviando l’iter di trattazione del pdl. Su proposta della presidente Luciana Serri, la commissione Politiche economiche convocherà al più presto un’audizione con i presidenti degli enti fieristici di Bologna, Parma e Rimini.

L’assessore alle Attività produttive Palma Costi ha illustrato obiettivi e finalità della proposta. Al fine di realizzare il pieno concorso regionale alla partecipazione al capitale sociale delle società fieristiche, la Regione ha finora provveduto ad acquisire quote di partecipazione al capitale sociale pari al 7,83%. Ora, la Giunta intende accelerare il processo di aggregazione delle società fieristiche, anche attraverso lo sviluppo di un comune piano strategico-industriale, in grado di integrare e coordinare le singole infrastrutture, ottenere economie di scala, promuovere iniziative comuni. Inoltre, la società BolognaFiere prevede un intervento di riqualificazione del quartiere fieristico bolognese, e si appresta a finanziarlo anche attraverso l’aumento di capitale sociale: la Regione intende aderirvi, per un importo massimo di 5 milioni di euro. Di qui la necessità di adeguare l’importo previsto dalla L.r. 15/2008, elevandolo da 12 a 17 milioni di euro.

Costi ha affermato che la Regione non intende imporre alcun modello organizzativo e agisce per rafforzare il sistema fieristico nel suo complesso; già oggi, considerando l’insieme di Bologna, Parma e Rimini, quello emiliano-romagnolo risulta il secondo sistema in Italia, nei primi dieci in Europa, nei primi venticinque nel mondo.

A sostegno della proposta della Giunta, rivendicando un ruolo attivo della commissione assembleare, sono intervenuti Gianni Bessi e Alessandro Cardinali, del gruppo del Partito democratico. Per i due consiglieri Pd, questa riforma è pienamente coerente con il programma di mandato del Presidente Bonaccini e il confronto politico in commissione potrà contribuire a rafforzare l’iniziativa della Regione per favorire la cooperazione fra i diversi soggetti e l’integrazione delle loro strategie commerciali e organizzative, valorizzando le specializzazioni delle diverse società fieristiche.