“L’Emilia-Romagna è la terza regione, dopo la Valle D’Aosta e il Trentino Alto-Adige, ad avere il tasso più basso di povertà relativa”. Ha dichiarato il Capogruppo del Partito Democratico all’Assemblea Legislativa, Stefano Caliandro, commentando l’annuale report pubblicato oggi dall’Istat.

 

“È un dato che non ci sorprende: sia ben chiaro, essere una delle regioni con i più alti standard di crescita e di ricchezza in Europa ci ha permesso nel 2016 di fare la Legge sul Reddito di Solidarietà ed offrire al dibattito nazionale un tema che per troppo tempo era stato sottaciuto. La povertà nel nostro Paese. Partì da lì e dall’Alleanza contro le povertà la fotografia di un fenomeno che anche in Emilia-Romagna vedeva sacche di povertà assoluta e relativa sconosciute ai più, a volte anche ai servizi sociali dei comuni. Il report dell’Istat continua a dirci che quella battaglia va combattuta con ancora più determinazione e che nessuno deve sentirsi chiamato fuori dal dare il proprio contributo. Lo abbiamo fatto, lo continueremo a fare sicuramente in Emilia-Romagna dove i valori di solidarietà e di comunità restano tra i tratti caratterizzanti di questi territori. Non può esistere vera ricchezza se pezzi della tua società stanno in condizioni di povertà e deprivazione materiale. Tenere assieme crescita e lotta alla povertà: questa è la vera sfida alla quale non ci sottrarremo.”