<<Garantire piena autonomia e dignità delle persone disabili è un principio di civiltà fondamentale su cui si basano le politiche sociali della Regione Emilia-Romagna>>. A dirlo è la Consigliera regionale Lia Montalti a seguito dell’approvazione da parte della Giunta della ripartizione della prima parte dei 29 milioni di euro concessi dal ministero, in tre anni, all’Emilia-Romagna.

<<Meno barriere architettoniche e più ascensori nelle case dell’Emilia-Romagna, ma anche porte più larghe e bagni più ampi – spiega Montalti -. La Regione vuole dare un aiuto concreto a chi rischia di vivere isolato, magari perché disabile o troppo anziano per fare le scale. Oltre 15 milioni di euro verranno destinati ai Comuni ed Unioni per finanziare, nel 2018, i lavori edilizi di abbattimento delle barriere architettoniche negli appartamenti e nelle parti comuni dei condomini>>.