Via libera in Commissione regionale Territorio al programma di interventi straordinario per il recupero e l’assegnazione di alloggi di residenza popolare. La vicepresidente della Commissione Rossi accende i riflettori sugli immobili ancora gestiti dagli enti marchigiani 

La Commissione regionale Territorio, Ambiente e Mobilità ha dato il via libera alla proposta della Giunta, presentata dalla Vicepresidente Elly Schlein, per un programma triennale straordinario dedicato al recupero e all’assegnazione di alloggi ERP.

Con un investimento di 10 milioni di euro da qui al 2021, la nostra Regione vuole riqualificare il proprio patrimonio, ampliando il diritto alla casa per i residenti in Emilia-Romagna. Nella passata legislatura abbiamo rivisto la normativa in materia, aggiornandola. Oggi promuoviamo la riqualificazione del patrimonio e mettiamo a disposizione delle famiglie nuovi spazi abitativi” sintetizza la consigliera regionale Pd Nadia Rossi.

La discussione del programma straordinario è servita a Nadia Rossi per accendere, ancora una volta, i riflettori su una situazione annosa. “Dopo il passaggio dei sette comuni dell’Alta Valmarecchia dalle Marche all’Emilia-Romagna, il patrimonio immobiliare di edilizia residenziale pubblica è rimasto nella disponibilità della Regione d’origine” sottolinea la Vicepresidente della III Commissione regionale.

Da più di 10 anni, nonostante quanto previsto dalla norma di transizione relativa al passaggio degli enti locali alla provincia di Rimini, la questione resta irrisolta. Un contenzioso che penalizza chi risiede in quegli immobili e che la Regione Emilia-Romagna auspico possa riuscire a risolvere” conclude Rossi.