Po di Volano, al via il cantiere per liberarlo dalla sabbia

 

La Regione Emilia-Romagna risponde all’appello dei diportisti e dei pescatori e stanzia i fondi per lo scavo della foce del Po di Volano. In marzo il Partito Democratico aveva presentato un question time interrogando la Giunta sul tema, oggi il consigliere e segretario regionale Paolo Calvano commenta positivamente l’arrivo nel ferrarese di 350 mila euro, che andrebbero a risolvere i disagi per le oltre 500 imbarcazioni, di diverse metrature, che navigano nelle acque del Volano.

 

«Insieme all’assessore Paola Gazzolo abbiamo ascoltato gli appelli dei cittadini e degli imprenditori locali – spiega Calvano – In luglio con una variazione di bilancio la Regione ha sbloccato le risorse per lo scavo ed oggi il cantiere è partito e si chiuderà nell’arco di 60 giorni. Questo intervento è strategico per il territorio, in quanto ad esempio una barca di 10/12 metri per uscire dalla foce del Po ha bisogno di almeno un metro e cinquanta centimetri d’acqua, una situazione che nei casi di bassa marea non si presentava più e quindi compromette la navigabilità. Le opere di dragaggio permetteranno il migliore deflusso delle acque del Po di Volano, e rispondono alle richieste dei Comuni, della Capitaneria di porto e dei pescatori. Ritengo che l’arrivo di queste risorse rappresenti una risposta concreta per risolvere i disagi che da tempo attanagliavano il territorio, in termini di sicurezza idraulica, navigabilità e valorizzazione dell’ambiente».