Risoluzione in Regione per superare l’ostacolo normativo imposto da una direttiva europea

La sperimentazione e realizzazione di motori ad energia pulita, convertendo da benzina a metano la mobilità motociclistica, avrebbe ricadute in termini di abbattimento delle emissioni nocive ma anche di costi per chi si muove sulle due ruote.

“Un’azienda privata, Ecomotive Solution ha già realizzato un prodotto interessante ma il problema che si frappone all’utilizzo industriale di motori a energia pulita per scooter e moto è una direttiva del 2007 del Parlamento Europeo. – sottolinea rammaricato il consigliere regionale Giorgio Pruccoli, che aggiunge – Esso infatti non consente l’omologazione per la circolazione su strada del motore a biometano e a metano liquido sulle moto”.

“Con una risoluzione, considerato che nella nostra Regione abbiamo l’istituto professionale di Stato Leon Battista Alberti di Rimini, che con i professori Rossi e Massari, si impegna da anni sul tema, chiedo alla Giunta di attivarsi con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per superare questa impasse. – spiega Pruccoli – Consentire l’omologazione dei motori a metano sulle due ruote, eliminando un ostacolo normativo di cui non si comprende l’utilità, consentirebbe soluzioni più sostenibili sia dal punto di vista ambientale che economico di cui vanno colte le opportunità”.