La consigliera regionale Luciana Serri ha presentato una risoluzione per attivare uno studio di fattibilità finalizzato a valutare l’estensione del servizio di elisoccorso alle ore notturne. Serri: “E’ determinante per salvare vite e qualificare l’emergenza urgenza”. L’HEMS (Helicopter Emergency Medical Service) regionale vede una flotta di 4 elicotteri impiegati nella copertura del territorio regionale con base a Pavullo, Bologna, Parma e Ravenna.

Sono passati trent’anni dall’avvio del primo elisoccorso nella nostra Regione, che vede impiegata una flotta di 4 elicotteri attiva nella copertura capillare del territorio regionale con base a Pavullo, Bologna, Parma e Ravenna. E’ un servizio importante per l’emergenza sanitaria che si è rivelato, in questi anni di attività, fondamentale per la tempestività di intervento e per il trasporto emergenziale del paziente nella struttura più idonea. Tuttavia, il servizio di elisoccorso sul territorio regionale si svolge su un arco orario esclusivamente diurno. Un limite che può ora essere più facilmente superato grazie alle novità introdotte a livello Europeo che hanno recepito le innovazioni tecnologiche e di sicurezza in ambito aeronautico. La consigliera Luciana Serri parte da queste fondamentali novità a livello di normativa e standard per chiedere alla Regione di attrezzarsi con uno studio di fattibilità finalizzato a raggiungere l’obiettivo di estendere il servizio di elisoccorso anche alle ore notturne su tutto il territorio regionale. “L’estensione alle ore notturne del servizio di elisoccorso – spiega la consigliera Serri – consentirebbe di qualificare ulteriormente un servizio di emergenza urgenza che in questi anni di attività ha spesso fatto la differenza. E’ necessario partire in fretta con uno studio di fattibilità che prenda in considerazione l’estensione del servizio di elisoccorso h24 su tutta la Regione, iniziando dalla ricognizione e dalla mappatura dei possibili siti idonei all’atterraggio, anche e soprattutto nelle aree più decentrate. Parliamo di un elemento importante del soccorso sanitario che è parte di un sistema integrato che vede diversi protagonisti impegnati quotidianamente a salvare vite. Il sistema di emergenza/urgenza è un sistema vasto e articolato che comprende una pluralità di protagonisti che entrano in azione in base a criteri definiti. L’elisoccorso è uno di questi tasselli, una risorsa importante per la nostra comunità regionale. Esistono gli spazi normativi per poter valutare concretamente questa ipotesi”. Chiesta nel documento presentato anche un’azione di censimento e valutazione dell’idoneità aeronautica come “Sito Operativo HEMS” delle numerose aree pubbliche presenti sul territorio, quali aree verdi, campi sportivi, piazzole, per consentire l’effettiva operatività del servizio. “Ho spesso avuto occasione di valutare la capacità operativa dell’elisoccorso di Pavullo – prosegue Luciana Serri -, uno dei quattro del territorio regionale, che svolge anche funzioni di soccorso Search and Rescue in ambienti complessi in collaborazione con il Soccorso Alpino Regionale. Credo che chiunque abbia avuto come me occasione di valutare il lavoro di tali realtà si renda conto dell’importanza di questa opportunità. Esistono oggi gli spazi per verificare la possibilità di estensione del servizio alle ore notturne”.

Oltre a Serri, hanno sottoscritto il documento i consiglieri Pd: Stefano Caliandro, Paolo Calvano, Barbara Lori, Paolo Zoffoli, Silvia Prodi, Enrico Campedelli, Katia Tarasconi, Massimo Iotti, Nadia Rossi, Roberto Poli, Giorgio Pruccoli, Francesca Marchetti, Manuela Rontini, Lia Montalti, Alessandro Cardinali, Mirco Bagnari.