“Confido che nel prossimo futuro ci sia una più attiva ed efficace collaborazione tra la nostra Istituzione, i rappresentanti eletti dai cittadini e le associazioni coinvolte nei vari dibattiti per i temi di competenza e interesse e che ciò consenta alla Regione Emilia-Romagna di continuare a svolgere quel ruolo trainante che si concretizza nello stretto legame tra processo partecipativo e atti legislativi”. La presidente dell’Assemblea legislativa regionale, Simonetta Saliera inaugura la Sessione comunitaria per l’anno 2015. La seduta è dedicata alle proposte dell’Emilia-Romagna rispetto al programma di lavoro della Commissione Ue per l’anno in corso.

“La Sessione europea- sottolineato nella sua introduzione Saliera- è il momento che dedichiamo alla riflessione e al confronto rispetto la fase ascendente e discendente del diritto europeo. Riflessione che incide su tutta l’attività legislativa: oltre il 70% della nostra legislazione nazionale trae origine da quella europea e il nostro ruolo, dopo il trattato di Lisbona, si fa sempre più protagonista”.

Il dibattito in Aula include anche il confronto aperto fra Ue e Stati Uniti sull’accordo sul commercio e gli investimenti: “Il partenariato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP)- afferma la presidente dell’Assemblealegislativa-, attualmente in corso di negoziazione tra Unione europea e Stati Uniti, quale accordo commerciale globale di grande ambizione, volto a liberalizzare gli scambi e gli investimenti, potrà promuovere la cooperazione con regole chiare e condivise. Siamo consapevoli- sottolinea- che l’opinione pubblica ha espresso preoccupazione per le conseguenze del futuro accordo sulla libertà normativa degli Stati in settori come l’ambiente, la tutela dei consumatori, il diritto del lavoro e la protezione dei dati. Un trattato, dunque, sul quale non si deve abbassare l’attenzione”